messaggeri d'amore, davide filié

Beata Panacea

3.50 

di Davide Filié

Panacea, giovanissima martire valsesiana vissuta nel XIV secolo è ancora oggi un esempio di bontà, mitezza e nobiltà d’animo. Panacea nacque a Quarona, località situata tra Borgosesia e Varallo, nel 1368. La madre morì prematuramente ed il padre si risposò. Nella nuova famiglia iniziarono però una serie di divergenze tra la matrigna, la sorellastra e Panacea che portarono le prime due a manifestare aperta ostilità nei riguardi della fanciulla, fatta oggetto di continue angherie.
Questa situazione degenerò, in una sera di primavera del 1383, quando la matrigna, non vedendo rincasare la ragazza andò a cercarla. Si recò sul monte Tucri e trovò Panacea in preghiera. In uno scatto d’ira, la uccise; resasi conto dell’accaduto la donna si gettò da un burrone in preda alla disperazione. La notizia si sparse subito nel paese e nel contado circostante e richiamò molta gente presso il corpo di Panacea che fu trasportato a Ghemme, per essere sepolto accanto a quello della madre. Nello chiesa di Ghemme sono conservate le reliquie della patrona della Valsesia, meta ogni anno, di numerosi fedeli provenienti da diversi paesi. Il culto per la pastorella valsesiana, ricevette conferma papale nel 1867.

Pagine

48, illustrate

Formato (cm)

12×20,5

Copertina

brossura

ISBN

9788871356402

Autore

Davide Filié

Numero collana

211

Recensioni

There are no reviews yet.

Sii il primo a scrivere una recensione “Beata Panacea”