Guigo il Certosino

Lettera sulla vita contemplativa

4.00 

Guigo il Certosino. Lettera sulla vita contemplativa

Guigo il Certosino, silenzioso monaco di cui si hanno pochi dati biografici, ci fa tornare alla mente lo stile e l’atmosfera spirituale del bellissimo canto medievale intitolato “Jesu dulcis memoria”. E’ il monaco don A. Wilmart che studia per primo in modo critico la tradizione manoscritta delle opere di Guigo e stabilisce la loro attribuzione all’autore, aprendo la possibilità di darne un’edizione completa e critica che apparve insieme ad una traduzione francese nel 1970 in Sources Chrètiennes. La Lettera è un’esposizione semplice ed essenziale dello slancio contemplativo, in cui l’insegnamento classico in materia viene filtrato attraverso l’esperienza spirituale e la riflessione personale su di essa. Al destinatario Gervasio, che probabilmente era stato suo maestro di noviziato, Guigo propone “I pensieri che gli sono venuti a proposito della vita spirituale”. La Lettera parte dal testo di Genesi 28,12 sul sogno di Giacobbe; già i Padri avevano visto in questo brano l’immagine della relazione tra Dio e l’uomo, ma spetta a Guigo il merito d’averla applicata per primo al cammino della lectio divina. L’insegnamento del priore Guigo circa la necessità per i monaci, anche per i cristiani tutti, di uno spazio di silenzio orante, della solitudine e della separazione dalla vita esterna, per costruirsi una cella interiore dove esercitarsi nella vita spirituale e giungere all’unione con Dio, è presentato in uno stile penetrante e familiare, quasi passionale.


Pagine

48, illustrate

Formato (cm)

12×20,5

Copertina

brossura

ISBN

9788871358505

A cura di

don Dario Bernardo

Numero collana

2

Recensioni

There are no reviews yet.

Sii il primo a scrivere una recensione “Lettera sulla vita contemplativa”