Benedetta Bianchi Porro

3.50 

Benedetta Bianchi Porro

Un cammino di luce

Benedetta nasce l’8 agosto 1936 a Dovadola (FC). Appena nata s’ammala di poliomielite. Nel 1944 riceve i Sacramenti della Comunione e della Cresima. Nell’ottobre del 1953 si trasferisce a Milano per frequentare l’università: sceglie Medicina. È convinta che la sua vocazione sia quella di dedicarsi agli altri come medico. Purtroppo i sintomi di una grave malattia avanzano inesorabilmente. Comincia una lunga via crucis di interventi chirurgici, fino alla diagnosi che lei stessa formulerà per prima: neurofibromatosi diffusa o morbo di Recklinghausen. Un morbo rarissimo che la priva della vista e dell’udito, del gusto e dell’odorato immobilizzandola in un letto. La sua camera nella casa di famiglia a Sirmione (BS) diventa un crocevia di incontri e il suo letto un altare attorno al quale si crea uno straordinario cenacolo d’amore. Benedetta si spegne a soli 27 anni, il 23 gennaio 1964. La Chiesa l’ha dichiarata Venerabile nel 1993. Qual è l’eredità di Benedetta per noi, oggi? Innanzitutto l’affidamento totale al Signore, che dà pace, gioia e speranza: questo è il dono che Benedetta fa, per grazia di Dio, a quanti la incontrano.

Pagine

48, illustrate

Formato (cm)

12×20,5

Copertina

brossura

ISBN

9788871356808

Distribuzione librerie: Elledici

9788801049275

Autore

Piersandro Vanzan

Numero collana

232

Recensioni

There are no reviews yet.

Sii il primo a scrivere una recensione “Benedetta Bianchi Porro”